Spiritosi spiriti.. o capitano, mio capitano, aiutoo!


Mi chiedo se esista un ufficio reclami per gli spiriti burloni che ci vengono assegnati alla nascita.
Il mio è sempre stato molesto, ma faceva semplicemente il suo lavoro, da qualche tempo però il suo senso dell?umorismo è degenerato.

Ho cominciato ad accorgermene qualche mese fa, quando, mentre stavo per salire in ascensore, vengo fermata dal vicino del primo piano.
Voleva presentarsi, e mentre ci presentiamo noto con un po? di disappunto che il vicino in questione è una copia sbiadita del Procacciatore di Guai, gli assomiglia in diverse cose, tra le quali il non trascurabile fatto che pure lui deve essere già impegnato, neanche il Procacciatore di Guai fosse stato ricalcato sulla carta carbone.
Assolti i doveri di vicinato, sto per defilarmi in ascensore quando fa capolino dalla porta e mi dice:?Ah, complimenti alla mamma e a tutto lo staff tecnico.? E mi strizza l?occhio.

Era ovvio che gli piacessi, rifletto, per i personaggi come lui devo avere come una specie di bersaglio tatuato sulla fronte.
Ad ogni modo per qualche tempo neanche ci incrociamo, i nostri orari sono del tutto diversi, finchè un bel giorno non mi blocca di nuovo davanti all?ascensore.
?Ah, senti, già che finalmente ti becco, volevo dirti se qualche venerdì sera vuoi andare a ballare io sono qui.?
Sorrido e dico:?Grazie, ma io detesto le discoteche, odio la musica troppo alta.?
E qui lui sfodera quella che pensa essere la sua arma segreta:?Ma non in discoteca, intendevo il salsa e merengue.?
Sento la mano che mi stringe intorno al pomello della porta dell?ascensore in uno spasmo involontario, se c?è una cosa che odio sono i balli latino americani, lui vedendomi titubante termina il suo affondo e aggiunge:?Io lo insegno.?
?Davvero?? Dico con tono sardonico, ma lui non se ne accorge.

Il Procacciatore di Guai suonava la musica latino americana, e questo la balla?!!?
Ehi, spirito dei miei stivali, dacci un taglio!

Gli dico che tengo presente la sua offerta e me la batto.
La sera del venticinque aprile, mentre mi accingo alla visione di un film che la mia amica Vampy mi ha prestato più o meno un anno fa, sono nota per essere fulminea in tutto quello che faccio, mi suona il citofono: è Mr Salsa, naturalmente:?Butter, mon amour, vuoi venire a prendere un gelato??
?Grazie, sei gentile, ma ho la febbre.? Rispondo, usando la medesima scusa che ho rifilato ai Testimoni di Geova quella stessa mattina, i quali mi hanno lasciato nella posta anche un bel numero de ?La torre di Guardia? intitolato ?La crudeltà finirà mai?? e che penso di girare al mio spiritello.
(Ho scoperto poi che sono stata l?unica destinataria di tale omaggio!! Anche per i Testimoni ho un bersaglio tatuato, ma sulla schiena. Tempo fa uno di loro attraversò la strada e mi rincorse, sigh, solo per consegnarmi un volantino con la scritta ?Il mondo si salverà?? e altre due ho dovuto abbatterle a colpi di citazioni bibliche, per lo più prelevate dai Peanuts, dal film ?I dieci Comandamenti? e dal primo ?Ghostbusters?, e beh, oltre che da una lettura superficiale della Bibbia.)
Ad ogni modo, lui pare accusare il colpo:?Vabbè, sarà per un’altra volta.?
?Ciao.? Gli dico, e addio!

Ieri sera alle ventitré e quarantacinque, di nuovo il citofono:?Ciao, volevo sapere come stai, bla bla bla, non ci vediamo mai, bla bla bla..?
?Sto bene grazie, bla bla bla, sono in compagnia, sai la sera sono spesso in compagnia.? Butto lì, come con il giovane Soldato Ryan, se pensa che sono occupata magari molla..
Certo che per essere una single sono super fidanzata!!
Ma poi, accidenti, anche se vedi le luci da fuori, chi cavolo citofona a un?estranea alle ventitré e quarantacinque?
?Un insegnante di salsa e merengue.? Mi risponde mia sorella:?Forse pensava che l?avresti invitato su. Ah, ti ricordi il suo nome?, nel caso dovessi comparire a Studio Aperto.?

Per di più il mio spiritello è molto accurato nell?ordire i suoi piani, come mi faceva notare Luvi, sia il Procacciatore di Guai che Mr Salsa sono logisticamente perfetti, uno mi lavorava di fronte, l?altro mi abita di sotto.

Si vede che il mio spiritello, e anche il mio karma, non amano le cose facili.
Forse se quest?anno sbarcano gli alieni avrò qualche possibilità per una relazione felice, chissà che gente proveniente da un altro pianeta sia abbastanza fuori portata, per loro.

Nell?attesa che questo flusso negativo si dissolva mi rifugerò in un paio di braccia virtuali, come fanno le mie coetanee e non, ma a differenza delle loro la mia di scelta non ricadrà sul dr House,o sul suo collega dr Sheperd di Gray?s Anatomy o sul Sawyer di Lost.
No, dopo una lunga ponderazione, beh non tanto lunga per la verità, la mia scelta è caduta sul capitano Archer, della nuova serie di Star Trek.
Non solo è un capitano, e così io posso declamare gli immortali versi ?O capitano, mio capitano?, ma è anche un tipo affascinante, e forte e onesto, che ama il suo cane tanto da portarselo nello spazio,inoltre non ha un pessimo carattere, non è sposato e non è un truffatore, ma soprattutto sono assolutamente certa che tra un primo contatto con una nuova specie, una missione diplomatica con qualche razza aliena, e un mandato per salvare la terra dalla distruzione, (eh si, è anche un eroe), nel suo tempo libero non si metterebbe di sicuro a suonare il tamburo bongo o a ballare la salsa.
E per me tanto basta!
Per il resto, d?ora in poi dovrò far le scale.

Riferimenti: Salvate il soldato Ryan

Comments (17)