Storia di Sugar Ray Pannolo


Mentre sono sul bus squilla il cellulare:?Scendi alla prossima. Ti aspetto all?angolo del marciapiede.? Mi ordina mia sorella Sadako.
Obbediente, scendo una fermata prima rispetto alla mia solita, e trovo Sadako e Sir pannolino un po? abbacchiati che mi aspettano.
?Devi consolare il Pannolo.? m?informa lei:?E? rimasto coinvolto in una baruffa, e ha perso un baffo.?
Mi chino verso Sir Pannolino, che mi guarda con aria circospetta, un occhio semichiuso, una macchiolina di sangue sul muso, la bocca lievemente storta, come se tenesse un sigaro in un angolo; so cosa significa quell?espressione, e conosco quella pollastra di mia sorella e le sue circonlocuzioni, acrobatiche, attorno alla verità: non è stato perciò difficile leggere tra le righe ciò che era accaduto realmente.
In sostanza, ecco la versione originale di:?E? rimasto coinvolto in una baruffa, e ha perso un baffo.?
TA DAA!
?Stavo girando con il Pannolo senza guinzaglio, il quale alla prima occasione, ha scatenato una rissa con un cane grosso tre volte lui, che non si è posto il problema di trascinare nella mischia la padrona. Mentre litigavo con la signora, che, devo ammettere, aveva pure ragione ho dovuto estrarre il Pannolo da sotto l?altro cane strattonandolo per la coda, e durante la colluttazione ha perso un baffo.?

Per carità, niente di nuovo sotto il sole.
Sir Pannolino è un meticcio per metà volpino, ha tredici anni, il diabete e non è mai stato così informa, il che ha fatto rinvigorire il suo istinto rissaiolo.

Ciascuno di noi, tranne forse mia nonna, ha dovuto prima o poi estrarlo da sotto qualche cane, o andare a recuperarlo nel luogo dove era stato lanciato dal suddetto cane.
Abbiamo conosciuto una coppia al parco, titolari di uno dei matrimoni più felici della storia e di un pastore tedesco zoppo, di cui siamo diventate amiche in maniera drammatica, proprio grazie alle intemperanze del Pannolo.

Il cane lupo, che chiamerò Claudius se ne stava lì bello placido a rimirarsi la sua zampa sciancata, finchè il Pannolo non ha deciso che gli stava sulle palle e, senza alcun preavviso, gli si è avventato contro.
Lo scontro è durato qualche minuto, e vani sono stati i nostri tentativi d?intervento, in cui il Pannolo è stato lanciato lontano un paio di volte, con il ricavo di tre piercing nell?orecchio destro, e a Claudius si è disarticolata la spalla .
Ora noialtri siamo amici, ma se ci incrociamo con i cani, per ragioni di sicurezza, dobbiamo parlarci da un marciapiede all?altro.

Un pomeriggio ho letteralmente dovuto disincastrare Sir Pannolino da sotto un boxer, non la mutanda, magari!!, dandogli un paio di bastonate sul culo giusto per attrarre la sua attenzione su di me e avere l?occasione di distrarlo dai suoi propositi suicidi;
e un?altra volta, in un parco in cui c?eravamo solo noi due, ha avvistato a cento metri di distanza quello che sembrava essere un rottweiler, e si è lanciato contro di lui, come una piccola furia cieca.
Beh, quel giorno mi deve aver assistito la buonanima di qualche quarterback, perché, per una volta nella vita, sono stata veloce come il lampo e ho bloccato quella sua piccola testa di rapa come se fosse stata la palla ovale e lui non ha potuto far altro che correre sul posto.

Insomma, a Sir Pannolino l?idea di un suo proprio Fight Club non dispiace affatto, ma mi sono sempre chiesta da dove gli venisse tutto questo nervosismo.
In fondo è praticamente il padrone di casa, mio padre da quando è andato in pensione è al suo servizio, e deve seguire passo passo la routine giornaliera per non deluderlo.
Alle quattordici riposino, e se papà non è puntuale il Pannolo si siede sulla soglia della porta e comincia ad abbaiare, sollecitando così l?interventi di maman:
?Vai, su, non vedi che ti sta aspettando?!?
?Pora stella.? aggiunge la nonna.
Così mio padre si alza bofonchiando:?Ma tu guarda se uno deve andare a dormire per far piacere al cane.?
Dopo cinque minuti ronfano entrambi.

Senza contare, che le tre punture quotidiane di insulina il sacro quadrupede le fa ESCLUSIVAMENTE a cavalcioni dello stomaco di mio padre, con maman che ci vede poco e tutte le volte prega di centrare l?obbiettivo giusto.

Perciò, da dove viene tutta questa aggressività, visto che non ha niente di cui lamentarsi?
Le idee mi si sono parzialmente, solo parzialmente sottolineo, chiarite un pomeriggio, prima che mi trasferissi nella freak caverna.
Rientro presto dal lavoro perché è il mio giorno libero. Fuori c?è una replica in tono minore del diluvio universale, e mentre mi scrollo nell?ingresso sento distintamente due voci provenire dal bagno.
?Non fare così, se fai così lo rompi!? il tono di mia sorella è tra lo spazientito e l?isterico.
?Insomma, glielo devo pur provare, forse non ho preso bene la misura delle spalle.? replica maman.
?Guarda che è troppo largo.? Continua mia sorella.
?Lo sistemiamo con la cintura.?
Al che mi avvicino a passi di bimbo e faccio capolino, mia madre e mia sorella stanno cercando di infilare il Pannolo in una specie di strofinaccio con una striscia penzolante, come mi vede mia sorella lo tira su:?Hai visto?? dice Sadako:?Gli abbiamo fatto un accappatoio.?
?Non ti sembra un po? un kimono?? mi chiede mia mamma speranzosa.
Il Pannolo che ha perso tutta la sua aria da Al Capone del Parchetto e mi guarda con un?espressione rassegnata.

Questo è l?incipit di un suo scritto risalente a quel periodo:?Era un pomeriggio buio e tempestoso?!?

Piesse: il bracchetto qui sotto è Porthos, il cane del capitano Archer.

11 Commenti

  1. Cippola Scrive,

    27 Maggio 2007 @ 03:01

    Ma è bellissimo Sir Pannolo!!!!!

  2. Amfortas Scrive,

    27 Maggio 2007 @ 12:10

    Con l’età ci si rincoglionisce, succede ai cani ed agli uomini.
    Anch’io sono diventato rissoso, ma almeno posso contare su un fisico da alano :-)

  3. esiliata svalvolata zia Scrive,

    27 Maggio 2007 @ 22:49

    Piccola freak, il Pannolo non ha mica tutti i torti ad avere un po’ di nervoso. Mettiti nei suoi panni: spunturazze a tutte le ore e costretto a indossare un kimono. Aggiungi a tutto questo il suo smisurato ego e il gioco è fatto :)

    Bacio

  4. Surj Scrive,

    28 Maggio 2007 @ 11:29

    che il cane abbia preso l’aggressività dalla padrona ??? ehehhe non credo !

  5. Cippola Scrive,

    28 Maggio 2007 @ 12:09

    il mio post ti sembra incoraggiante perchè ancora non hai visto MrSonoIndaffaratissimo!!!
    …ehehehe…ovviamente schrzo, io lo adoro! (ma non fateglielo sapere che poi si monta la testa)…dai Butter, non perdere la speranza io lo sò che c’è un MrFreak da qualche parte che ti sta cercando ;-)

  6. luvi Scrive,

    28 Maggio 2007 @ 12:16

    letteralmente sganasciata. No, il Toby in kimono no….. è come immaginare Che Guevara in pantofole di pezza :D

  7. vane Scrive,

    29 Maggio 2007 @ 02:16

    Mi sono scompisciata, mister pannolo dovrebbe conoscere Judy.

    Ach.
    :D

  8. nuvoledimusica Scrive,

    29 Maggio 2007 @ 17:38

    EDIZIONE STRAORDINARIA:IL CORRIERE DELLE NUVOLE

    DIVE E ANTIDIVE NELLA ROMA DI BISCOTTI.

    E’ bellissima ma piu che bella è feroce.Lei è la belle dame sans merci e la sua leggenda sta diventando una realtà …vieni a leggere l’articolo

  9. grisù Scrive,

    29 Maggio 2007 @ 17:42

    chissà perchè io me lo immaginavo sempre sornione e placido, m’hai fuorviato con il nome e invece sto satanasso guarda che ti combina!!!

    Divertentissimo!

  10. journeyman Scrive,

    31 Maggio 2007 @ 10:45

    Ma tutte le volte che gliele hanno date, non gli son servite a qualcosa? Evidentemente ha bisogno di forti emozioni…
    Un salutone
    jm

  11. bob04 Scrive,

    4 Giugno 2007 @ 18:12

    della serie: una famiglia al servizio di un pannolo!
    ho riscritto di cavalli

RSS feed for comments on this post